Home » Calcio » Serie A: il terzo posto per l’Inter? Un sogno sempre più concreto

Serie A: il terzo posto per l’Inter? Un sogno sempre più concreto

All’inizio del Campionato tutto faceva credere che lo scudetto quest’anno sarebbe andato alla squadra di Mancini, ma poi diversi errori e inevitabili sconfitte hanno tramutato la situazione, ed oggi l’Inter, classificata al quarto posto, sogna e spera di riuscire a conquistare il terzo posto ed accedere così ai playoff Champions. Quest’ultimo desiderio non sembra nemmeno così impossibile da realizzare, anche visti gli ultimi risultati portati a casa, in primis la recente vittoria al San Paolo, ma a rendere possibile il sogno Champions, sono diversi fattori, che di seguito andremo ad analizzare.

Il terzo posto all’Inter?  Ecco perché è possibile!

Come premesso, la possibilità che l’Inter ha di volare al terzo posto la deve in parte a Mancini, che nonostante il periodo buio caratterizzato da continue sconfitte, come quella della 14° giornata contro il Napoli (2-1), oppure quella clamorosa avvenuta al derby della 22°giornata (3-0) e infine, quella della 27° giornata contro la Juventus, non ha mai perso la calma e ha sempre messo in pratica nuove tecniche di gioco, fino a far rimontare la sua squadra, che oggi sta vicino ad accostarsi e rubare il posto alla Roma.

E’ proprio il gioco messo in atto da Mancini unitamente alle rimanenti giornate da giocare che rende matematicamente possibile all’Inter di guadagnare il bronzo. Vediamo più nei dettagli, quanto appena scritto. Tutti avranno notato il sincronizzato gioco fatto in campo dalla coppia Icardi-Jovetic, che da quando hanno cominciato a comunicare e collaborare, rappresentano il cavallo di troia con cui la squadra riesce a gonfiare la rete avversaria, mantenendo un’alta difesa della loro. A favore dell’Inter pare essere pure il prossimo calendario, che prevedrà incontri con squadre di livello medio-basso, differentemente da quello della Roma, che segna  appuntamenti con Napoli e Milan.

Quanto appena detto però potrà pure non corrispondere alla realtà, perché si sa, come nella vita anche nel calcio “tutto può succedere”.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*