Home » Calcio » Da Renato a Dzeko: dalla fama per i gol alla fame di gol

Da Renato a Dzeko: dalla fama per i gol alla fame di gol

Quando nell’agosto del 2015 la Roma ha acquistato il bosniaco Edin Dzeko, di certo non si aspettava la penuria di goal che ha registrato nell’attuale stagione, ormai prossima alla fine. La meraviglia sta nel fatto che nella nazionale di appartenenza, Dzeko si è qualificato come miglior attaccante grazie alle 46 reti gonfiate, che il quintuplo di quelli realizzati in serie A con la maglia giallo-rossa n°9 (solo 8 di cui 2 rigori).

Come Dzeko tanti altri goleador che poi hanno fatto flop

Quella di Edin Dzeko non è un caso isolato, anzi forse è il più recente di tutti quelli che hanno caratterizzato la storia del calcio. La storia di Dzeko è molto simile a quella del collega Mario Gomez, l’attaccante tedesco che tra il 2013 e il 2015 ha giocato con la maglia della Fiorentina, deludendo le aspettative del presidente, realizzando in due stagioni solo 7 goal, che pur di liberarsene l’ha “svenduto” al Besiktas, squadra in cui continua a giocare. Facendo un passo indietro, arrivando alla stagione 1987-1988, si può leggere della storia di Ian Rush, il giocatore gallese che nell’anno indicato lasciò il Liverpool, con cui aveva segnato in 7 anni 207 gol,  per entrare nella squadra bianconera nella quale riuscì a segnare solo 14 goal, giustificando questa penuria in parte con l’infortunio alla gamba che lo tenne fuori dai giochi per 5 settimane e in parte con il non sentirsi integrato in Italia. Infine, come dimenticare il caso del brasiliano Portaluppi, che nel 1988 venne acquistato dalla Roma e l’anno dopo fece ritorno nel paese di origine. Il motivo? In 23 giornate di serie A non ha segnato nessun goal, e durante la permanenza nel calcio italiano, ha segnato solo 3 gol nelle prime 5 partite di Coppa Italia.

Quelli elencati sono i più clamorosi dei casi in cui un grande goleador diventa in campo un giovane inesperto senza che mai però scoprire il perché di  questa involuzione. 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*