Home » Calcio » Gioie e dolori del campionato di Serie B

Gioie e dolori del campionato di Serie B

Lo sappiamo, il campionato di calcio più seguito in Italia è quello di Serie B, anche se moltissime persone amano anche la serie B, quella fatta di piccole città di provincia, o di cittadine che cercano di dare il meglio che possono per mantenere a galla la loro squadretta. Senza i soldi della serie A, senza il sensazionalismo e la copertura mediatica del campionato maggiore.

La bellezza di un campionato minore


Nonostante la serie B sia un campionato sempre in secondo piano, per ovi motivi, in Italia sono moltissime le persone che lo seguono. Grazie a http://www.lepartitedioggi.com/italia/serie-b tutti gli appassionati hanno la possibilità di conoscere precisamente il calendario delle partite, giorno per giorno, in modo da potersi organizzare, magari anche per approfittare di una partita in casa per avvicinarsi allo stadio, volendo anche con i bambini. Per seguire la Serie B allo stadio del resto non è necessario prenotare con grande anticipo, e si tratta di seguire un match più tranquillo, senza la ressa dei tifosi. Nonostante questo si tratta comunque di un campionato molto agguerrito, anche perché tre squadre ogni anno avranno la possibilità di venire promosse al campionato di serie A.

Piccole città in guerra


Contrariamente al campionato di serie A, in serie B sono ben 4 le squadre che vengono retrocesse ogni anno, mentre tre hanno la possibilità di salire nella serie maggiore. La scelta avviene attraverso due diversi criteri: le prime due squadre della classifica entrano in serie A di diritto, mentre le ultime tre scendono di categoria. Per selezionare la terza squadra da promuovere si effettuano, a fine campionato, i play-off, e i play-out per capire chi eliminare dal campionato. Questo tipo di soluzione è ben diversa da quella della serie A, mentre ricorda molto quanto avviene in altri sport di squadra. La problematica principale sta nel fatto che le squadre di serie B si trovano ad avere un campionato che termina a giugno, dovendo aggiungere delle gare. Il regolamento prevede che play-off non si disputino se tra lea terza e la quarta squadra ci siano più di 10 punti di differenza.

Si tratta sempre di calcio


Anche se la Serie B non vanta i nomi famosi del calcio nostrano e conta pochissimi stranieri nelle squadre che ne fanno parte, le partite di questa serie sono speso particolarmente avvincenti e piacevoli, vissute forse in un tono minore, ma molto più appagante per il pubblico e per i giocatori.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*