Home » Calcio » Europei 2016: il girone conta eccome

Europei 2016: il girone conta eccome

Come avviene sempre nei campionati cui partecipano molte squadre, finire in un girone difficile, o particolarmente facile, può modificare pesantemente il prosieguo del torneo.

L’Italia


Per l’Italia il sorteggi all’Europeo 2016 sono stati abbastanza benevoli, visto che è ricaduta nel Girone E, insieme con Belgio, Irlanda e Svezia. Tutto sommato poteva andare meglio, ma le tre squadre con cui ci stiamo scontrando non sono tra le capolista per una possibile vittoria. Sin dal primo giorno la compagine che fa più paura è sicuramente quella del Belgio, che è dato come favorito del girone e da alcuni anche dell’intero torneo europeo 2016.

La Francia


I padroni di casa sono ovviamente nel girone A, insieme con tre squadre che non la preoccupano in modo pesante: Svizzera, Romania e Albania. L’Albania ha anche ottenuto una vittoria storica contro la Romania: la nazionale albanese era a secco di vittorie a livello internazionale e con il risultato di 1-0 contro la Romania vince anche la possibilità di un ripescaggio, per andare agli ottavi di finale. Infatti oltre alle prime due squadre del girone passano 4 terze su 6, che si decideranno nei prossimi giorni.

Germania e Spagna


La Germania si è trovata nel gruppo C, insieme con Ucraina, Irlanda del Nord e Polonia. I tedeschi si sono fatti notare per la loro aggressività e per la voglia di vincere manifestata già nelle prime partite, anche se non sono riusciti sempre a concretizzare il loro spirito battagliero con delle vittorie. La Spagna è nel girone D, con Turchia, Repubblica Ceca e Croazia, tre squadre che possono preoccupare, anche se non minano la possibilità della Spagna di classificarsi come prima del girone.

Tante partite da vedere


Questo europea era molto atteso da tanti tifosi, visto che vi prendono parte alcune delle migliori squadre del mondo; le favorite sono sicuramente la Francia e la Germania, che da anni mantengono un alto standard qualitativo, sia per la forma e le capacità dei loro giocatori, sia per i successi ottenuti in passato e per gli allenatori incisivi che possono vantare. Particolarmente interessanti anche l’Inghilterra e la Spagna, il cui bel gioco fa ben sperare i loro connazionali. L’Italia non parte da favorita, anche perché la nostra nazionale da anni offre prestazioni caratterizzate da alti e bassi. Il fatto di non cominciare un torneo da favoriti potrebbe però essere un interessante asso nella manica. Se cercate altre informazioni sull’europeo e su tutti i tornei di calcio internazionali li trovate su mondiali.net.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*